Home / Cronaca / A Firenze, è crollato un pezzo di capitello nella Basilica di Santa Croce: un morto

A Firenze, è crollato un pezzo di capitello nella Basilica di Santa Croce: un morto

A Firenze è crollato un pezzo di capitello il grosso frammento è caduto all’improvviso da 30 metri nell’area del transetto di destra della Basilica di Santa Croce a Firenze.

A Firenze è crollato un pezzo di capitello

Un turista è morto

Questo caduta di un pezzo di capitello ha provocato l’uccisione di un turista spagnolo cinquantaduenne. Ora l’edifico architettonico è blindato dalle forze dell’ordine.

L’incidente mortale è accaduto nel primo pomeriggio di oggi, mentre fuori dalla Basilica di Santa Croce vi era una lunghissima fila di turisti che aspettava di entrare, per visitare un’opera d’arte fiorentina.

Sul posto è arrivata l’autoambulanza, ma i soccorsi del 118 non hanno potuto fare altro che attestare il decesso dell’uomo, ammazzato dal grosso frammento.

Le misure del capitello

Le misure del capitello in questione sono di 40 centimetri per 40 centimetri. Questo pezzo è caduto sull’area degli scalini percuotendo lo sfortunato turista che era concentrato, ad osservare tutti i bellissimi monumenti di questa splendida città.

La Basilica di Santa Croce rimarrà chiusa fino a domani dopo l’assurdo episodio.

Basilica di Santa Croce

La Basilica di Santa Croce, è stata costruita nell’omonima piazza, ed è una delle più grandi chiese francescane realizzata in stile gotico.

All’interno della Basilica sono sepolti di alcuni dei più illustri luminari italiani, come, Galileo Galilei, Niccolò Machiavelli, Ugo Foscolo, Michelangelo Buonarroti, Vittorio Alfieri, Gioacchino Rossini. La Basilica è famosa anche come il Tempio dell’Itale Glorie.

Commenta L'Articolo

Riguardo Rosarossa

Ti Potrebbe Interessare

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo - il Colpevole è Libero.

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo – il Colpevole è Libero.

Purtroppo il tema della violenza sessuale sulle donne è quanto mai contemporaneo e tristemente comune. Una notizia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *