Home / Gossip / Il Mistero di Gino – L’Ultimo Giallo di Instagram del 2017.

Il Mistero di Gino – L’Ultimo Giallo di Instagram del 2017.

Il 2017 ha sicuramente portato grandi novità nella vita di tanti personaggi famosi, ma ha sicuramente affermato il ruolo già fondamentale dei social media nel rapporto tra i vip e i loro fan, che riescono a seguire tutte le avventure delle loro star preferite proprio grazie a social network come Instagram.

Proprio Instagram è stato il palcoscenico di un evento piuttosto singolare che ha chiuso in bellezza le vicende della sezione italiana di questa piattaforma.

Nell’ultimo giorno dell’anno infatti sotto moltissime foto dei personaggi più famosi del panorama italiano e non, da Chiara Ferragni fino addirittura a Matteo Renzi, sono comparsi milioni di commenti di utenti italiani con un solo nome come contenuto: Gino.

Il Mistero di Gino - L'Ultimo Giallo di Instagram del 2017.

Nessuno riusciva a comprendere quale fosse il motivo di tale comportamento, finché non ha rivelato tutto Blur, uno youtuber italiano, il cui vero nome è Gianmarco Tocco.

Gianmarco Tocco, in arte Blur, è Stato l’Autore dello Scherzo.

Egli ha voluto infatti sperimentare il potere dei social e ha chiesto ai suoi ben 270mila fan di commentare il nome Gino sotto le foto di qualunque personaggio noto. La proposta ha avuto tanto successo da incuriosire anche Renzi, che ha pubblicato delle foto specifiche in merito alla situazione.

Lo “scherzo” è un segno evidente di come i social media e la fama dei personaggi pubblici possano muovere le masse. Sarebbe però forse auspicabile poter usare questo potere per fini più sensati e concreti.

Foto ilmessaggero.

Commenta L'Articolo

Riguardo emanuele

Blogger presso KingWriterz.com sempre attento e aggiornato sulle ultime notizie di moda, spettacolo e TV.

Ti Potrebbe Interessare

Dramma Uomini e Donne - Sara Affi Fella Sclera su Instagram.

Dramma Uomini e Donne – Sara Affi Fella Sclera su Instagram.

Il mondo del gossip è sicuramente uno tra i più complessi e variegati, dato che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *