Home / Cronaca / Riccione, filma in diretta la morte su Facebook e finisce in Procura

Riccione, filma in diretta la morte su Facebook e finisce in Procura

Un ragazzo di Riccione, Andrea Speziali, di 29 anni, ha filmato in diretta con il suo smartphone ciò che è successo ad un ragazzo di 24 anni, mentre moriva in seguito ad un incidente avuto con il motorino. Adesso però tutto ciò potrebbe costargli davvero caro. Infatti il suo gesto rischia di finire all’attenzione della Procura.

facebook riccione

Che cosa è accaduto

Il ragazzo 29enne ha deciso di filmare tutta la scena dell’agonia e della morte di un giovane di 24 anni che aveva avuto un incidente. Col video realizzato mediante il suo dispositivo tecnologico ha poi pubblicato una vera e propria “cronaca” di tutta la vicenda sul noto social network. Ben presto è stato attaccato anche dalla rete. Alcuni con dei commenti sul social lo hanno definito uno sciacallo. Spesso assistiamo sui social a delle scene incredibili, dei video postati per filmare tutto ciò che accade nella realtà. Ma evidentemente questa volta il ragazzo di Riccione ha esagerato. Tutto ciò non è sfuggito all’attenzione del pubblico, nonostante il suo obiettivo fosse quello di conquistarne l’ammirazione.

Andrea Speziali si dice pentito

Dopo qualche ora già il ragazzo si è accorto di quello che aveva fatto e si dichiara pentito del proprio gesto. Spiega di essere stato sotto shock e di non aver pensato alle conseguenze della situazione. Adesso tutto arriva all’attenzione della Procura, che ha deciso di sequestrare il materiale multimediale e di aprire un’inchiesta a carico del giovane per procurato allarme e violazione della privacy.

Commenta L'Articolo

Riguardo Gianni

Ti Potrebbe Interessare

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo - il Colpevole è Libero.

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo – il Colpevole è Libero.

Purtroppo il tema della violenza sessuale sulle donne è quanto mai contemporaneo e tristemente comune. Una notizia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *