Home / Cronaca / Rimini, cinquantenne punta un coltello alla pancia della compagna incinta

Rimini, cinquantenne punta un coltello alla pancia della compagna incinta

Un cinquantenne di Rimini punta un coltello alla pancia della compagna incinta. “Questo figlio non è mio, non lo voglio”. L’uomo ha prima insultato pesantemente la convivente e poi le ha puntato un coltello alla pancia per farla abortire.

La vicenda

Protagonista di questa agghiacciante vicenda un riminese di cinquant’anni che nei prossimi giorni dovrà presentarsi davanti al giudice di pace, il quale deciderà sul rinvio a giudizio.

A sporgere denuncia è la compagna, una 44enne anch’essa di Rimini con cui l’uomo conviveva da diversi anni e dalla quale ha già avuto una bambina. La seconda gravidanza, non prevista, ha trasformato la loro relazione in un vero e proprio incubo.

L’uomo era convinto che il figlio non fosse suo ma frutto di un tradimento della compagna. “Non è mio figlio. Tu mi hai tradito”, le aveva più volte gridato con rabbia.

Un’escalation di violenze

Gradualmente gli insulti e le aggressioni sono aumentati fino a diventare violenze quotidiane e a sfociare in due terribili episodi.

Come racconta la donna, durante l’ennesima lite il riminese avrebbe afferrato un coltello e glielo avrebbe puntato alla pancia minacciandola brutalmente. “Non voglio questo bastardo”.

In un’altra situazione l’uomo avrebbe cercato di mandare fuori strada l’auto in cui si trovava con la compagna e la prima figlia.

Non reggendo più quelle violenze e temendo per l’incolumità della figlia, la donna se ne è andata di casa con la bambina. Furioso il cinquantenne l’ha denunciata per sottrazione di minore. Denuncia che poi è stata archiviata dalla stessa Procura.

A sua volta la donna, difesa dall’avvocato Roberto Brancaleoni, ha denunciato l’ex per maltrattamenti aggravati.

Foto Newsrimini

Commenta L'Articolo

Riguardo Virna Cipriani

Ti Potrebbe Interessare

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo - il Colpevole è Libero.

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo – il Colpevole è Libero.

Purtroppo il tema della violenza sessuale sulle donne è quanto mai contemporaneo e tristemente comune. Una notizia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *