Home / Cronaca / Como, incendio in un appartamento: gravi 3 bambini

Como, incendio in un appartamento: gravi 3 bambini

A Como un incendio in un appartamento ha causato un morto e ha determinato le condizioni gravi di tre bambini. Il rogo si è verificato all’ultimo piano di una palazzina, in via San Fermo della Battaglia. Sono stati recuperati quattro bambini grazie all’intervento dei vigili del fuoco. Il padre dei bimbi è stato ritrovato già deceduto.

incendio como

La dinamica dell’incendio

Secondo le notizie che sono arrivate dai soccorritori e dai primi uomini che sono entrati all’interno dell’appartamento, ci sarebbe stato qualcosa che ha fatto scattare il divampare del rogo. All’interno della casa infatti è stato ritrovato del materiale accatastato. Cominciano a diffondersi i primi sospetti sulla possibilità che qualcuno abbia appiccato intenzionalmente l’incendio all’interno dell’abitazione, dove viveva lo stesso uomo di nazionalità marocchina che è stato trovato morto.

Il procuratore di Como, Nicola Piacente, che sta verificando il caso, ha detto che è sua intenzione aprire un’inchiesta sulla vicenda. Secondo le prime indiscrezioni, il fuoco potrebbe essere stato appiccato proprio dall’uomo che è deceduto, padre dei quattro bambini, di cui tre sono in condizioni molto gravi.

L’allarme è stato dato dai vicini

L’incendio è stato spento molto velocemente, grazie anche all’allarme dato dai vicini di casa che hanno visto le fiamme e il fumo uscire dall’interno dell’abitazione. In seguito alla segnalazione subito sono arrivati i soccorritori ed è stato rapido l’intervento dei vigili urbani, della polizia, dei vigili del fuoco e di quattro ambulanze.

Foto Ansa.it

Commenta L'Articolo

Riguardo Gianni

Ti Potrebbe Interessare

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo - il Colpevole è Libero.

Dottoressa Barese Denuncia una Violenza Sessuale in Ritardo – il Colpevole è Libero.

Purtroppo il tema della violenza sessuale sulle donne è quanto mai contemporaneo e tristemente comune. Una notizia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *