Home / Medicina / Firenze: ragazza di 21 anni suda sangue

Firenze: ragazza di 21 anni suda sangue

A Firenze una ragazza di 21 anni è coinvolta in una rara malattia, a causa della quale suda sangue. Della paziente hanno parlato i medici dell’Università di Firenze. Hanno riferito che la giovane è arrivata in ospedale quando manifestava questa condizione già da tre anni.

ospedale medico

Ematidrosi: la malattia rara per cui si suda sangue

La ragazza sarebbe affetta da una malattia rara, chiamata ematidrosi. Questa condizione di salute porta a sudare sangue anche in assenza di cause scatenanti vere e proprie. Il sanguinamento, come hanno spiegato gli esperti, avviene sia mentre la donna dorme o anche in altre situazioni, come per esempio mentre pratica attività fisica. È stata la paziente stessa a far presente che il sanguinamento diventa particolarmente intenso soprattutto in presenza di periodi di maggiore stress.

Questo disturbo ha portato la giovane ad una condizione particolarmente fragile dal punto di vista psicologico. Proprio per questo motivo alla donna sono stati prescritti degli psicofarmaci per risolvere i suoi problemi di ansia. Inoltre deve assumere regolarmente un farmaco contro l’ipertensione. Si tratta del propanololo, una sostanza che ha alleviato i sintomi dell’ematidrosi, ma non ha risolto completamente il disturbo.

Quali sono le cause dell’ematidrosi

Questa malattia si presenta soltanto in situazioni rare e le sue descrizioni nella letteratura scientifica sono veramente poche. Gli studiosi non sono d’accordo nemmeno sulle effettive cause della patologia. Si fanno soltanto delle ipotesi a questo proposito. Potrebbe essere causata da problemi di coagulazione o da una rottura di alcuni vasi sanguigni, provocando l’accumulo del sangue nei dotti del sudore.

Foto pixabay.it

Commenta L'Articolo

Riguardo Gianni

Ti Potrebbe Interessare

linfoma cellule sangue

Linfoma: arriva una terapia genica per la cura

Negli Stati Uniti per la cura del linfoma si sta procedendo a mettere a punto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *