Home / Musica / Gulliver la canzonetta delle mamme per la scuola dei figli fa scandalo “Che bello stare sole fino al pomeriggio”

Gulliver la canzonetta delle mamme per la scuola dei figli fa scandalo “Che bello stare sole fino al pomeriggio”

Gulliver la canzonetta delle mamme fa scaldalo, il motivo e le parole della canzone è molto simpatico, la musica è subito orecchiabile, il titolo? “Che bello stare sole fino al pomeriggio”.

Gulliver la canzonetta delle mamme

Gulliver il video, inserito su Youtube

Lei doveva essere una canzone semplice, ma invece la canzonetta ha dato fastidio. Le parole hanno fatto arrabbiare gli insegnanti. Le mamme cantano solo la loro libertà, in quelle poche ore, quando i ragazzi sono a scuola.

Però il video, Gulliver inserito su Youtube, dal gruppo di mamme, ideato da un genitore, ha infiammato un putiferio, i docenti, hanno chiamato i genitori proprio per polemizzare il video.

Le scuole di Reggio Emila sono serie

Le scuole di Reggio Emilia sono serie, dalla rivista Newsweek sono stati definiti gli “asili più belli del mondo” e la società che li coordina è “Reggio Children”, questa scuola tutti gli anni ospita visite che fanno i pedagogisti e vari insegnanti da alcuni  paesi del mondo.

«Pensiamo all’omaggio di stare sole al pomeriggio, così potremo lavorare che al confronto andiamo a riposare, invece di tenerli dentro casa, che distruggono qualsiasi cosa». «Con questo video – ha detto la direttrice delle materne reggiane – si trasmette un’immagine dei genitori, degli insegnanti e dei bambini che contiene stereotipi che non corrisponde ai valori che abbiamo cercato di trasmettere in cinquant’anni di lavoro. Prima di pubblicare il video sarebbe stato giusto informare la scuola».

Manuel Vozza l’autore di Gulliver

L’autore della canzone Gulliver è Manuel Vozza, il padre di un piccolo alunno, anche lui insegnante alle elementari e attratto di musica. «Questa canzone è nata come un modo per divertirsi, ma senza voler colpire la scuola, anzi volevamo elogiarla. Quando ho ricevuto la convocazione della pedagogista sono rimasto di stucco. Non riesco a capire cosa abbiamo fatto di male».

FOTO: Leggo

 

 

 

 

 

Commenta L'Articolo

Riguardo Rosarossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *